IR_3086

Termografia

UNA TECNICA DI CONTROLLO NON DISTRUTTIVO

La termografia è una tecnica di analisi non distruttiva che si basa sull’acquisizione di immagini nell’infrarosso.
Con il termine termografia si intende la visualizzazione bidimensionale della misura di irraggiamento. Attraverso l’utilizzo di una termocamera (strumento per eseguire controlli di tipo termografico) si eseguono controlli non distruttivi e non intrusivi. Le termocamere rilevano le radiazioni nel campo dell’infrarosso dello spettro elettromagnetico e compiono misure correlate con l’emissione di queste radiazioni. Questo strumento è in grado di rilevare le temperature dei corpi analizzati attraverso la misurazione dell’intensità di radiazione infrarossa emessa dal corpo in esame.

Il servizio:

Normativa

Come premessa al settore della Termografia riportiamo che la UNI EN 13187 relativa alla “Prove non distruttive” ovvero:

“I risultati ottenuti con questo metodo devono essere interpretati e valutati da persone che abbiano ricevuto una formazione specifica per questo scopo”.

La normativa relativa alla formazione del personale qualificato è attualmente costituita dalla norma UNI EN 473:2008 “Qualificazione e certificazione del personale addetto alle prove non distruttive – principi generali” e dalla ISO 9712:2005 “Non destructive testing – Qualification and certification of personnel”.

Qualità del Servizio

Le indagini termografiche eseguite dalla Archi System sono eseguite con termocamere professionali.

L’operatore risulta qualificato in prove non distruttive e certificato Bureau Veritas, con Certificazione II° LIVELLO metodo Termografia (TT) in riferimento a norma UNI EN 473 e ISO 9712 per il settore industriale, civile, elettrico, meccanico.

BV_Certification

In caso di contenziosi

La termografia permette di avere a disposizione una prova oggettiva dello stato di fatto della struttura sottoposta a verifica, difficilmente contestabile in caso di contenzioso legale, portando ad un eventuale concordato prima del giudizio finale.

L’ispezione termografica eseguita in supporto all’attività del Consulente Tecnico di Ufficio permette quindi di acquisire elementi oggettivi ed avere delle prove importanti in caso di contenzioso.

Principi di funzionamento

L’utilizzo della termografia permette la lettura delle radiazioni emesse nella banda dell’infrarosso da corpi sottoposti a sollecitazione termica.

L’energia radiante è funzione della temperatura superficiale dei materiali e questa è a sua volta condizionata dalla conducibilità termica e dal calore specifico.

Questi ultimi esprimono in termini quantitativi l’attitudine dal materiale stesso a trasmettere il calore o a trattenerlo.

Quindi un materiale con valori alti di conducibilità si riscalderà velocemente ed altrettanto velocemente si raffredderà.

Per effetto dei differenti valori di questi parametri, specifici per ciascun materiale, i diversi componenti di un manufatto, quale una muratura, assumeranno differenti temperature sotto l’azione di sollecitazioni termiche.

Tale caratteristica è sfruttata dalla termografia per visualizzare, con appositi sistemi, i differenti comportamenti termici dei materiali.

Zone di Intervento

Grazie alla termografia si possono evidenziare:

    • Infiltrazioni e dispersioni di acqua nei tetti e nelle solette di coperture degli edifici;
    • Analisi di fenomeni fessurativi al di sotto di rivestimenti ed intonaci di murature localizzazione del distacco di rivestimenti murari ed intonaci;
    • Ponti termici;
    • Umidità nelle murature;
    • Mancanze nella coibentazione dei muri;
    • Strutture di solai in calcestruzzo armato;
    • Presenza di canalette di impianti elettrici e/o canalizzazione di impianti idrico-sanitario e termico in funzione;
    • Surriscaldamento di impianti elettrici e verifica dei quadri al fine di evitare cortocircuiti e fenomeni di incendio.